Handimatica, tutte le novità della tecnologia al servizio dei disabili

Le soluzioni per l'integrazione scolastica, lavorativa e sociale sono protagoniste dalla mostra-convegno organizzata dal 22 al 24 novembre a Bologna dalla fondazione Asphi
 
BOLOGNA - Tablet per stimolare le capacità cognitive degli anziani. Ambienti virtuali e software educativi per un apprendimento attivo, inclusivo e partecipato. Videogame accessibili, soluzioni per il lavoro e per il tempo libero, ma anche domotica e "città intelligenti". Tutto questo e altro ancora è protagonista di Handimatica 2012, la mostra convegno dedicata alle nuove tecnologie per disabili, organizzata dal 22 al 24 novembre a Bologna dalla fondazione Asphi. Giunta alla nona edizione, promossa dall'Alto patronato del Presidente della Repubblica e con i patrocini di ministero dell'Istruzione, Regione Emilia-Romagna, Comune e Provincia di Bologna, Handimatica torna negli spazi dell'istituto superiore Aldini Valeriani Sirani, centro di eccellenza bolognese per la formazione tecnologica e l'innovazione. "Abbiamo scelto di ambientare la mostra presso l'istituto Aldini, perchè una scuola ci sembra un buon punto di partenza per instillare nei giovani la cultura dell'inclusione" ha spiegato Camilla Zanichelli, responsabile della mostra per Asphi, durante la conferenza stampa di Handimatica, tenutasi oggi a Palazzo D'Accursio. "L'edizione di quest'anno è ricca di proposte che riguardano tutti gli ambiti della vita: scuola, lavoro e intrattenimento - continua Zanichelli - Soprattutto per quello che concerne il lavoro, siamo abituati a considerare i disabili distanti dal concetto di competitività lavorativa, al contrario durante l'edizione di Handimatica 2012 abbiamo organizzato dei confronti con persone affette da disabilità che sono riuscite ad avere successo nel lavoro e che servono da esempio e modello".
Le tecnologie contemporanee possono diventare strumenti di inclusione e integrazione se vengono opportunamente messe in relazione al tema della disabilità: questo è il vero obiettivo di Handimatica 2012. "L'ausilio delle nuove tecnologie è fondamentale per quel che riguarda l'inserimento dei disabili nel mondo del lavoro - spiega Giuseppe De Biasi, assessore all'Istruzione formazione e lavoro della Provincia di Bologna - Handimatica non è che la fase finale del lavoro di un anno, volto a comprendere quali siano le maggiori difficoltà d'inserimento dei disabili nel mondo del lavoro. Abbiamo infatti strutturato un ciclo di incontri, una sorta di tavolo di impiegabilità cui hanno preso parte Asphi, università, coop sociali e aziende per cercare di creare un modello formativo corretto che permetta l'inserimento e l'inclusione dei disabili nel lavoro". Come ha ricordato l'assessore, "il numero dei disabili avviati al lavoro nell'area di Bologna è passato dai 450 del 2009 ai 554 del 2011; questi dati ci dicono che gli enti locali hanno adottato una corretta politica di orientamento al lavoro: Handimatica costituisce il suggello di questa politica".
Il testimonial dell'edizione 2012 di Handimatica sarà Alex Zanardi. "Un esempio di come un disabile, grazie alla propria volontà e agli ausili offerti dalla tecnologia, possa superare qualsiasi ostacolo", dice Franco Bernardi, vicepresidente della fondazione Asphi che, ricordando l'elezione di Bologna tra "le città più intelligente d'Italia" nel convegno sulle Smart Cities, ha sottolineato: "Noi di Handimatica crediamo che le città sono più intelligenti se comprendono tutti, pertanto ci auguriamo che Bologna inauguri una vera e propria politica nei confronti della disabilità, magari istituendo una sorta di disabiility manager che si occupi di curare gli interessi delle persone disabili. Sarebbe un bellissimo esempio, da traino per le aziende e per gli altri Comuni".
L'area espositivita di Handimatica 2012 ospiterà aziende, centri di ricerca, organizzazioni non profit che presenteranno prodotti e ausili tecnologici, esperienze e servizi. Il visitatore potrà orientarsi seguendo otto percorsi tematici: abilità, accessibilità, apprendimento, comunicabilità, diritti, impiegabilità, mobilità e partecipazione. Gli stessi percorsi contrassegneranno gli oltre 50 convegni, seminari e lavoratori che si succederanno nell'arco delle 3 giornate. Il primo appuntamento con Handimatica è giovedì 22 alle ore 10: subito dopo il taglio del nastro con l'assessore alle Politiche sociali della Regione Emilia-Romagna Teresa Marzocchi, il sindaco di Bologna Virginio Merola e la presidente della Provincia Beatrice Draghetti: su terremoto, sicurezza e progettazione inclusiva si confronteranno esperti di domotica e di accessibilità, amministratori pubblici e operatori del terzo settore emiliano provenienti dalle zone colpite dal sisma. (Elena Marchese) 

Fonte: Superabile