Black-bloc in carrozzina

Black-bloc in carrozzina. Il soggetto motorizzato è l'anarchico Pasquale "Lello" Valitutti, in prima fila venerdì tra gli assaltatori che hanno devastato una zona di Milano. L’uomo giustifica i delinquenti teppisti black-bloc in questo modo: “gridano a voce alta. Se non ci fossero loro, che si prendono la responsabilità e rischiano per degli ideali, scomparirebbe il dissenso. Non è stato un attacco alla città, ma ai simboli della ricchezza".


Attacco ai simboli della ricchezza? È questa la motivazione che spinge costoro a distruggere tutto ciò che gli capita davanti? 
Beh, non ho parole, ma voglio dire al soggetto in carrozzina che, se lui oggi è autonomo nel andare in giro ad incitare dei teppisti, è proprio grazie a quella ricchezza che ha investito su della tecnologia che oggi assicura ai disabili motori una certa autonomia per vivere la propria vita in modo autonoma. 


Certe ideologie mi fanno ridere, come si fa a pensare di vivere in un mondo, dove non ci sia libertà d’investimento, quindi sviluppo economico? Ma perché si deve impedire alla gente di raggiungere i propri obbiettivi, anche di crescere economicamente? Ma poi, se il popolo non deve possedere “ricchezze” chi creerebbe lavoro? Lo stato? E con la parola DEMOCRAZIA che ne vogliamo fare? O per qualcuno è un opzionl?


In un mondo globalizzato è fisiologico che ci siano delle diseguaglianze, e non si può limitare alle persone di scegliere cosa fare nella vita. In questo mondo esistono varie professioni, ed è giusto che si abbiano retribuzioni differenziate.

Il malessere di molti, non va attribuito alla ricchezza, semmai alla sua distribuzione, il problema vero è politico, serve giustizia sociale, lavoro, servizi, fisco più giusto, queste sono le cose su cui si dovrebbe manifestare “pacificamente” però.